Otoro81, Napoli

In una via di Napoli storicamente dedicata allo shopping e quasi mai alla ristorazione, all’interno di un’entrata quasi anonima si trova questo straordinario sushi – bar: Otoro81. Sembra di stare in un locale VIP di Milano, New York o Londra.

Appena varcata la soglia si intuisce subito che ci si trova nel posto giusto. Si consegna il soprabito al guardaroba e scendendo una scalinata si raggiunge la sala, che quindi si trova al piano di sotto, pertanto senza finestre e senza vista. Non sarà né un problema né una particolare mancanza visto che tutto il resto, cioè quello che conta in un ristorante, sarà impeccabile.

La sala consta della cucina a vista sulla destra, circondata da un bancone dove, come nello stile newyorchese, molti commensali mangiando comodamente, da un deejay sulla sinistra che per tutta la serata allieterà gli ospiti rendendo meno noiose le attese dei piatti, peraltro quasi mai lunghe, e da tutta una serie di tavoli, quasi tutti diversi gli uni dagli altri.

Molto bello e curato. Persino i bagni sono alla moda con i rubinetti che scendono dal soffitto.

Servizio eccellente, rapido, competente e gentile, in una parola professionale, e anche nel chiedere con una certa frequenza se si ha bisogno di altro; forse troppo, quasi al punto che potrebbe sembrare anche fatto nell’interesse del locale. Penso sia semplicemente grande professionalità e attenzione al cliente.

Menu giapponese, sushi ma anche altro, maialino o altri tipi di carne per quelli che non amano il pesce.

Dopo una piccola “amuse bouche” offerta dalla casa

abbiamo ordinato Gambero Fritto in Pasta Kataifi

Poi una favolosa tartare “salmone, salsa teriyaki, avocado, olio di tartufo“, servita in modo eccellente. Da non perdere.

tartare salmone, salsa teriyaki, avocado, olio di tartufo, Otoro81, Napoli

poi vari rolls: “Gambero Tempura e Ricciola alapegno“, “Granchio morbido” e “Otoro speciale dello chef” (con pesce bianco).

Come carne, il Maialino Spicy Miso e Salsa di Friarelli.

Da bere un ottimo Terlaner, Cantina Terlano, Aoto Adige 2016

 

Una chicca: per farsi “perdonare” una piccola attesa, ci hanno offerto i tipici “Ravioli di Wagyu“. Molto saporiti

Infine, i desserts: una millefoglie

e il “Cilindro di Nocciola“, entrambi ottimi.

Non contenti, ci hanno offerto anche il digestivo. Abbiamo scelto uno “Jagermeister” e un “Sake“, quest’ultimo per onorare la serata; devo dire che forse è un digestivo troppo leggero per i miei gusti.

Cena perfetta, da ritornarci senza dubbio.

 

 

 

 

 

 

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *