Napoli in Kayak, marechiaro

Napoli in kayak

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (1 voti, media: 5,00 su 5)
Loading...

A Napoli, dove tutto arriva in ritardo, finalmente da qualche anno è esplosa la kayak – mania.

Ed era ora, visto che Napoli è fatta su misura per i kayak.

Il tratto che val circolo Posillipo alla Baia di Trentaremi è, infatti, un insieme infinito di anfratti, baie, spiagge di sabbia e di roccia, lidi, ville e ristoranti sul mare, porticcioli, reperti archeologici di epoca romana, etc, che non possono non essere ammirati dal mare.

Uno spettacolo veramente unico. Napoli dal mare è ancora più bella.

Due i principali luoghi dove prendere a noleggio un kayak:

  1. al “Bagno SirenaPalazzo Donn'Anna, Napoli
  2. alla Baia delle Rocce Verdi“, da me preferita, soprattutto per il fatto che si trova in pratica a metà del tratto Circolo Posillipo – Baia di Trentaremi, quindi, non avendo la forza e il tempo di pagaiare col kayak l’intero tratto (1 ora – 1 ora e mezza), posso scegliere ogni volta quale dei due tragitti scegliere. Se andare a sinistra verso il circolo Posillipo passando per la “Baia del Cenito” o a destra verso Trentaremi.

La caratteristica principale del tratto che dalle Rocce Verdi a Palazzo Donn’Anna è rappresentata dalle spettacolari ville e palazzi in pratica direttamente sull’acqua, quasi sempre con discesa privata; è difficile immaginare posti più esclusivi dove vivere. È come stare sempre in vacanza.

Ma il tratto più affascinante è, a mio parere, quello appunto a destra, che va dalle Rocce Verdi a Trentaremi con stella assoluta l’Area Marina Protetta Parco Sommerso di Gaiola, un luogo forse unico al Mondo sia per ciò che appare in superficie (solo per dirne una, la villa marittima detta “La Casa Degli Spiriti”) che per ciò che vi è sott’acqua; sui fondali del Parco, infatti, a pochi metri di profondità, sono ben visibili resti di approdi, ninfei, camminamenti e peschiere, vasche per l’allevamento del pesce molto in voga tra l’aristocrazia romana tra la fine del II Sec. A.C. ed il I Sec d.C..

Ma consiglio di fare un piccolo sforzo e, dopo aver ammirato tutte le meraviglie della Gaiola, di spingersi oltre e andare fino alla Baia di Trentaremi dove si viene accolti da una affascinante grotta, preludio all’immensa baia tutta per se.

Una chicca per le famiglie: in certe giornate (non troppo caldo e mare calmo) si vedono intere famiglie sui kayak. A mio parere è, soprattutto al giorno d’oggi dove tutto è tecnologico, virtuale, “social”, un bellissimo modo per passare del tempo tutti insieme facendo sport e ammirando le bellezze di una città troppo a lungo ed ingiustamente sottovalutata.

Infine, per i veri amanti del mare sono spesso organizzate, specialmente nelle serate estive di luna piena, escursioni serali con cena annessa. Da non perdere.

il costo del noleggio di un kayak per l’intera giornata è di solito 10 euro. Niente.

Lascia un commento