Bodrum

Insospettabile Bodrum, principale porto della sottovalutata ma meravigliosa costa turca.

Dotata di aeroporto internazionale, sembra una piccola Porto Cervo, con le dovute differenze: ordinata, con una Marina piena di negozi – anche di marca – e ristoranti e club, ed un porto enorme con imbarcazioni spesso immense, ed in particolare le tipiche barche turche, i caicchi.

Bodrum, ex villaggio di pescatori, è minuscola ed è quasi tutta costituita dal suo porto e dal lungomare che si snoda alla sinistra del porto, dopo aver attraversato il Bazar – niente di che – e la via dello shopping; il lungomare è molto bello ed è pieno di ristoranti e locali – anche molto belli – direttamente sul mare (molto particolare è una nave – discoteca col pavimento trasparente, in pratica sembra di ballare sul mare).

La vita notturna c’è ed è anche frizzante ma comunque nulla di particolare, e quindi, dopo essersi tolti lo sfizio di curiosare e di fare bagordi per una notte – concludendola magari con un favoloso Kebab – e dopo aver visto l’unica cosa interessante presente sulla terraferma e cioè il dominante Castello di St. Peter, si consiglia di concentrarsi sulla vera bellezza di Bodrum e della Turchia, il mare.

Piuttosto che chiudersi in resort e hotel di lusso- pur molto belli (c’è anche il Valtur e meglio ancora il fantastico hotel Kempinski a 15 km da Bodrum) – si consiglia sicuramente di noleggiare un caicco o partecipando come singoli passeggeri (ma in tal caso si fa la crociera con “sconosciuti”, cosa da una parte intrigante ma dall’altra potenzialmente “esplosiva” dato che è fondamentale in crociera andare d’accordo con gli altri del gruppo) o meglio ancora intero; ce ne sono di tutti i tipi, da quelli di 15 metri a quelli immensi e meravigliosi di 35 metri ed oltre, dotati di ogni confort (aria condizionata, bagni in ogni cabina, prendisole a poppa e prua, moto d’acqua, canoe, etc.).

Di solito da Bodrum si scende verso Sud sia perché a Sud si trovano le località più famose (Marmaris, Fethiye, Dalaman e infine Antalya) sia soprattutto per il Meltemi che soffia appunto da Nord a Sud.

Altro itinerario straordinario è nelle vicinissime isole greche (in ordine da Nord a Sud: Samos, Patmos, Lipsi, Kalimnos, Kos – che è proprio di fronte Bodrum -, Simi ed infine l’immensa Rodi, con la sua meravigliosa Lindos, una piccola Positano). La cosa straordinaria della vacanza in caicco è che spesso si trova una baia tutta per sé, facendo una “rada” meravigliosa in un’incredibile atmosfera (le uniche luci presenti sono quelle delle stelle e delle lucciole) ed svegliandosi così al risveglio in un mare incontaminato dove è possibile nuotare come se si avesse una immensa piscina tutta a disposizione, così come è molto affascinante fermarsi nel tragitto in piccoli villaggi di pescatori dove mangiare su braci improvvisate pesci freschissimi. Si consiglia, a tal proposito, vista la grande pescosità del mare turco di scegliere un personale con doti da pescatori (oltre che da cuochi…) così come si consiglia di cercare di “convincere” (è faticoso e laborioso) il “capitano” ad andare, anche se solo per una volta, a vela, un’esperienza molto emozionante.

Una vacanza memorabile, meglio ovviamente evitare agosto, sia per il troppo turismo sia soprattutto per il gran caldo, solo parzialmente mitigato dal fresco Meltemi.

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *